LE CANZONI DEL CD

Essendo io stesso il traduttore dei testi, sento l'obbligo di scusarmi per l'approssimazione, ho cercato comunque di rendere nel migliore dei modi quanto ho inteso trasmettere col dialetto.

Ho usato molti toponimi locali perch fanno parte del nostro linguaggio............. non li ho passati in italiano.

Alcuni di questi sono di facile intuizione quali Favar, Tramuntina, San Peiru, Brghea, Rascceghii, Baraca, en l'bagu ecc. altri di pi difficile origine come Bnsu, Moudna, Ciapin, Ousagiu, Vernunte, Rancalu, Canun,  Lamarin, Bssana, Sbrni,  Lna de a Sra,  Uclrsu.

Credo che si debbano mantenere nella memoria anzi, forse varrebbe la pena di raccoglierli tutti e trascriverli.

Insieme a qualcuno pi recente, penso a a Baraca, ce ne sono altri vecchi di secoli con i quali i nostri antenati hanno convissuto per generazioni.

C' il rischio effettivo che spariscano in poco tempo.

MALINCUNIA

 

U l' aa seira candu a lje a se ne va 
che cian cianin u me piglia a nustalgia, 
a pensu aa giuvent c'a se n' and, 
lascindum u magun l'anima tria. 

Deman forsi cun u sul a scanger, 
forsi su gruppu aa gura u l'ander via, 
ma u cbu, su silnsiu, a nitur 
i me fan snte u ciaclin a malincuna. 

Malincunia per loche u nu l' stau. 
per loche a avia denai cu m' scappau 
ciaclin de nu sse stau bon a pigliar 
u camin gistu candu ven d'andar. 

Mia nona a me dixia, gi da pecin 
"se i giuveni i savessen u l'endeman 
i vegli si puressen, anche cianin, 
ma nescin  contu a se parole i dan". 
Cusci a ghe sun carau cume i ghe caran 
ente a lme e purselete i muschigliui, 
a vita, c'a te ciula a me prepara 
i avansi c'u l'arsta ai belinui, 

Malincunia per ssierme lasciau futte 
per sse arestau cuss cun e braghe rutte 
ciaclin de nu aglie fau loc'a puria 
ma da a paur d'ssiermene andau via

 

MALINCONIA

E la sera, quando va via la luce

che mi piglia la nostalgia.

Penso alla giovent andata via

lasciandomi solo il magone e lanima oppressa.

 

Domani forse, col sole, cambier

e forse questo nodo in gola andr via,

ma il buio, questo silenzio, la notte,

mi riempiono di dispiacere e malinconia.

 

Malinconia per quello che non stato,

per tutto quello che avevo davanti a me e mi son lasciato scappare,

angoscia per non aver saputo cogliere

il percorso giusto quando si deve scegliere.

 

Mia nonna mi diceva quando ero piccolino

Se i giovani sapessero il futuro

e i vecchi se potessero . magari anche piano

Ma a queste parole non si da nessun conto.

 

E cos anchio ci son cascato,

come fanno i moscerini nel lume ad olio

e la vita che ti frega mi prepara

solo gli avanzi che rimangono per gli inetti.

 

Malinconia per essermi fatto fregare

ed esser rimasto qui con le brache in mano,

angoscia per non aver osato quanto potevo

ma per paura, essere fuggito.

 

U CAMPANIN DE BLIGAL

 U l na ram dani ca cantu

de e floure per grandi pecii,

ma mai a vhai parlau de e campane che sonan

dau nostru bl campanin.

 

I e snten cheli chi sun en Bnsu,

i e snten en Moudna au Ciapin

i snten  en Ousagiu en Vernunte, a San Peiru

au Rancalu, a Canun a Lamarin.

 

I sun i ciocchi de e nostre campane

chi cantan a storia de Bligal.

Si ciocchi i sun l a segnar u tmpu

a chi nasce a chi mire a chi gh.

 

E sonan per ciamar a a Messa prima,

per Vspu a Benedissiun,

per lAvermaria, per ciamar e cumpagnie

e sonan candu i bategian calcn.

 

E sonan ci en grandu se fste

e taixen na vouta chi e ligan

candu u partimu per lurtimu tocu

e sonan finch i ne subacan.

 

E snte e campane che sonan

u fa smpre pensar a carche rn.

Ca scie na preghiera o n rechiemetrna

u vn a ttti da u fundu de u cr.

 

IL CAMPANILE DI APRICALE

 

E un po di anni che canto

favole per grandi e piccini,

ma non vi ho parlato mai delle campane che suonano

del nostro campanile.

 

Le sentono quanti sono nelle campagne circostanti.

 

E sono i rintocchi delle nostre campane

che raccontano la storia di Apricale.

 

E questi rintocchi son l a segnare il tempo

di chi nasce, di chi muore e di chirimane.

 

Suonano per invitare alla prima Messa,

per il Vespro, per la Benedizione,

per lAngelus, per chiamare le confraternite

e quando c un Battesimo.

 

Suonano poi in grande nelle festivit

ma tacciono quando vengono legate (nella Settimana Santa)

e quando partiamo per lultimo viaggio,

rintoccano fino alla sepoltura.

 

E il sentire le campane suonare

ci segnala sempre qualcosa

e una preghiera o un Requiem

sale su a tutti dal profondo del cuore.

 

BLIGAL

 Bligal, 
n enciastru de ca 
arecampae a a bla a megliu 
abigae na ensce lautra a labrigu 

Bligal, 
cume n rapu de ua 
cancarun o curvairra
da na tpia strepau ciavirau.

Bligal,
na tana dare i sun i carugi 
chi portan en ra ciassa.

Bligal,
u l l ca sun nasciu
u l l ca sun crescu
u l l ca vgliu arestar.

Bligal,
na tsta dareu na tana dare
i sun i carugi  chi portan en ra ciassa.

Bligal,
su paierse de foli
ma sc de tste fine
a mia cna, u me leitu, a mia cascia.

 

 

APRICALE

Apricale, una macchia di case  raccolte alla bellemeglio e ammucchiate una sull'altra in un posto soleggiato.
Apricale, come un grappolo d'uva strappato via da un filare e rovesciato.
Apricale, come tane di formiche alate son le stradine che conducono in piazza.
Apricale, l che sono nato, l che son cresciuto, li che voglio rimanere.
Apricale, una testa di capro e una tana di formiche alate son le stradine che conducono in piazza.

Apricale, questo paese di matti ma pure di gente geniale, 
la mia culla, il mio letto, la mia bara.

CANSUN PER U PETITU 

 n lnerd de magiu, u se veixian ancun e stere vrsu a Burdighea,

a sun partiu de bon matin per andar ensce Bignun,

sentii ca ve digu locu gh lasci, entn prau ensce Bignun.

 

Sa cuss a l na flora che mi a cantu a ttti vui,

ma sa floura, mi a a contu, sulu a cheli chi a se vn encler.

 

n petitu, cume n lampu u l sciurtiu da chel bilun,

den Bssana, da a Brghea, den Ousagiu

i cantan ancun a floura de u bilun.

 

na vulpe cun i vulpoti i sun muntai da u Castagneu

na levre i si levroti den ri Sbrni i sun carai sc,

dui ouxelui de rebissu i sun arvai dai Rascceghii,

densce a sima dui agugliotti

i sun vegni a cantar a cansun de chel bel bilun.

 

Ente n prau ensce Bignun, a hai atruvau n carsun

derer su carsun u gheira n bl bilun,

a hai scciapau su bilun, a lhai fau dacciatun,

vui u u nu ve creive.

U gheira n petitu en fascire ente n nun.

 

CANZONE PER IL BIMBO

 

Era un luned di maggio e si vedevano ancora le stelle verso Bordighera.

Son partito di buonora per andare in Bignore,

ora vi racconto cosa c lass in un prato di monte Bignone.

 

Questa una favola che canto a tutti voi,

ma la racconto solo a quanti son disposti a crederci.

 

Un bimbo, come un lampo uscito dal grosso tronco

e da tutte le localit intorno stanno ancora a cantare

la favola di quel tronco di legno.

 

Una volpe con i piccoli son venuti su dal castagneto,

ed anche una lepre con i leprotti sono arrivati di corsa

persino due uccellini di pettirosso si sono avvicinati

e alcuni aquilotti son scesi gi dalla cima della montagna.

 

In un prato in Bignone, ho trovato un casolare

e dietro quel casolare cera un bel tronco di legno.

Ho spaccato con lascia quel tronco,

lho fatto con attenzione e di nascosto,

voi non ci crederete ma cera un bel bimbo in fasce,

proprio in un nodulo del legno.

 

A ME NE VAGU DA BLIGAL

A me ne vagu da Bligal, a me ne vagu da t,

forsi u nu se vieremu ci ma a sntu cu me cigne u cr

Forsi e sciure dei nostri prai, u nu e cugliremu mai ci.

 

Forsi i ciochi de u campanin a nu i sentirai da u balcun.

  Na nu star a die cusc, ti nu te ne devi andar,

  nu me lasciar cuss, da sula a nu pureria star.

 

Ma sa pensu au nostru amur, ma sa pensu a Bligal,

u me vn affar de nu parte ci, u me vn affar darestar;

su magun cu me stregne u cr, au sai locu l cu vl die,

u l u ciaclin de lasciar Bligal, a ciassa, i carugi t.

   Nui u se vuremu bn, u nu se puremu lasciar

   pi, lasciar Bligal, na cousa da mancu pensar

 

ME NE VADO VIA DA APRICALE

 

Vado via da Apricale, vado via da te,

forse non ci vedremo pi e sento il cuore che piange.

 

Forse non potremo pi raccogliere i fiori dei prati,

forse non sentir pi i rintocchi del campanile.

 

No, non dire cos, non te ne puoi andare,

non lasciarmi qui, da sola non posso restare.

 

E se penso al nostro amore, se penso ad Apricale,

mi viene voglia di non partire pi, voglia di restare.

 

Questa sensazione che mi stringe il cuore,

so bene di cosa si tratta.

 

E langoscia di lasciare il paese,

la piazza, i carugi e soprattutto te.

 

Noi ci vogliamo troppo bene non possiamo lasciarci

e poi, lasciare Apricale, una cosa impensabile.

 

CANSUN

 

 

Sa cuss a l na cansun

na cansun, fa snsa mutivu,

scriita ascaixi dacciatun

cant da n belinun,

scriita suru perch a sun ancun vivu.

 

na dumenega, a a seira ente brn,

acuregau ensce u canap,

sciairu, strolegu, sbuiu,

a me sun messu a chitarrar

a thai scriitu sa cansun de strassun.

 

E sun parole per mi per nescin,

ca me digu ensme a a mia chitarra

per cantar e mie paur

farme passar u magun

o tantu per passar u tmpu ente n cantun.

 

Ma, cume u passa u tmpu,

sensa cu se naccurgimu,

i ha feniu daramar

che vn gi desciarmentar

tutti chi se spessegan,

u par chi se scurren.

 

sa mia chitarra a srve

nu per andar a mundar e urive

ma per nu apecundriarme

per resce a supravive.

 

CANZONE

 

Questa una canzone,

una canzone fatta senza una ragione,

scritta quasi di nascosto e cantata da uno stolto,

scritta solo perch son ancora vivo.

 

Una domenica quasi all'imbrunire, allungato sul divano, stanco, affaticato, impaurito, mi son messo a suonare la chitarra ed ho scritto questa canzone dimpulso.

 

Son parole per me e per nessuno

che mi dico insieme alla chitarra,

per cantare le mie paure e fare andar via il magone

o solo per passare il tempo in un angolino.

 

Ma, come passa il tempo senza che ce ne accorgiamo,

appena finita la raccolta delle olive

che gi ora di pulire la vigna

e tutti presi dall'affanno quasi si rincorressero.

 

E questa mia chitarra* serve non per mondare le olive

ma per non deprimermi ulteriormente e riuscire a sopravvivere

 

*(la chitarra uno strumento agricolo che serve a separare le olive dalle foglie dopo l'abbacchiatura)

 

E CATRU STAGIUN

 

Ti t'aregordi, candu u andavamu

a caregnarse ente a Lna de a Sra

e cabanete de faixi fava

e eiran mape cume l'rba de baussu;

u sentiavamu i ccchi e sigare

ch'i a se cantavan da u ponte de Uclrsu

dai ciapassi de u Favar

de contracantu e respundian e raine.

 

A i cunusciu de e done de ttte e carit

ma done cume chela u ghe n suru a Bligal.

Poi cun i civei de San Michel

u l' arvau l'outunu anche l,

ma u nostru amur u l'eira smpre ci grandu

ente se vigne a ence e seglie de l' a;

da un ouxinl a l'autru ouxinl

u se dixiavamu a t vgliu ben

pistndu l' ente i tineli

mi a l'agardava fissa ente i ogli.

    A i cunusciu de e done ecc. ecc.

L' vernu pi u andavamu ae urive

ela a stendia e tnde mi a aramava

ma ttte e seire e carte e eiran pouche

perch u pensavamu de ci a far l'amur;

a seira de l'anu cun u fgu enra ciassa

nui u sercavamu i carugi ci cbi

l'anu nvu cun e prumesse d'amur

u l'amu festau a a Baraca en l'bagu.

 

   A i cunusciu de e done ecc. ecc.

U l' vegnu a Prima cun i ouxeli e viurete

ttu u nascia cun a natra anche ela

a l'eira ci bla snsa cali ensce e mae

cun a rouba ai zenugli cume chele d'en gi;

fattu sta che cun u primu vegnu,

a se n' anda snsa dierme ci rn

mi a sun arestau tttu suru au Bousr

a calclal cume u psce sse stau.

    A i cunusciuu de e done ecc. ecc..

 

LE QUATTRO STAGIONI

Ti ricordi quando andavamo a flirtare nei laghetti.

Era estate,e i fagiolini erano verdi come il muschio

e sentivamo il cuco e le cicale che se la cantavano da una parte

mentre le rane rispondevano dallaltra.

Ho conosciuto donne di ogni tipo

ma donne come quelle esistono solo ad Apricale.

 

Poi con le piogge di San Michele arrivato lautunno

ma il nostro amore era sempre pi grande nelle vigne

mentre si vendemmiava.

Fra un acino e laltro ci dicevamo quanto ci volevamo bene

e nella danza del pestare luva la guardavo fissa negli occhi.

 

Linverno, poi si andava alle olive,

con lei che stendeva le tende ed io che abbacchiavo

ma tutte le sere le misure erano poche

perch si pensava di pi allamore

e la sera di Capodanno con tanta gente e il fuoco in piazza,

noi cercavamo gli angoli pi bui e il nuovo anno

con le relative promesse damore lo abbiamo festeggiato soli soletti.

 

E venuta poi la primavera con le rondini e le violette,

tutto sembrava rinascere insieme alla natura

e anche lei, era pi bella, senza calli alle mani

con la gonna corta al ginocchio come le forestiere.

 

E fatto sta che col primo arrivato se n fuggita

senza manco avvertirmi ed io son rimasto tutto solo nel mio angolino

a calcolare come poteva essere accaduto.

 

A N PETITU C'U CRESCE

 

Chiuss se te vegniran en mentu
n d tutte chele cansun
c'a cantu perch ti dormi megliu,
ninndut ascasciau ente u cantun.

 

Chiuss si te vegniran en mentu
n di si descursi ensensai
cu se dimu t ente a cna mi fra
savndu che u nu e se famu encler!

 

Ma, u mundu u gira,
anci u gigamu deman chiuss.
pensa a vegnie grandu
se nu te vn en mentu
mi au maregorderai.

 

Chiuss se t vegniran en mentu,
e floure c'u se semu cuntai,
i baixi c'u se semu dai
per gigar n poucu prima de pigliar u sonu,

 

Chiuss si t vegniran en mentu,
n d i pessighi u gatigliu,
cuc, ste, acagioduletu,
a sercar e oureglie, i biarbixi u mentun,

 

Ma, u mundu u gira,
anci u gigamu deman chiuss.
pensa a vegnie grandu
su nu te vn en mentu
mi au maregorderai.

 

A UN BIMBO CHE CRESCE

 

Chiss se ti ricorderai

un giorno di tutte le canzoni

che ti canto per farti addormentare

accovacciato in un angolino.
 

Chiss se ti ricorderai

delle frasi senza senso

che ci scambiamo noi due

consapevoli dello scherzo reciproco.
 

Chiss se ti ricorderai

delle favole raccontate quasi per gioco

prima di addormentarsi.

Chiss se ricorderai

i puffetti, il solletico, le boccacce,

le scoperte del viso, dei baffi, di tutto.


Ma il mondo gira,

oggi giochiamo domani chi lo sa,

u pensa a crescere e nel caso non le ricordassi

io le terr a mente

                          

A ME NE VAGU

 

A me ne vagu, a nu a ghe fassu ci,

a me ne vagu, u nu srve ci aspeitar,

chi vr vegnie me seghe u camin u l longu,

longu cen de sbuire en veramun.

 

Unde andar a nu u saciu mancu mi,

locu naspeita, locu ne toca far,

ma a sun segru che megliu de cuss,

ttti i posti i sun boi, mancu a parlar.

 

Sciti sciurii de aveglie parpaglire,

spurghe de mel lne de rusoliu,

bagi chi cantan ensme ai oujibrti,

ttti chi se vn bn, n mundu nvu.

 

U mal, e maroutie e se subacan,

de soudi u nu ghe n, u nu namu lgu,

u se ne riimu ttti man ente a man,

u l u Paradiersu na . forsi a me sonu !!

 

Vegnii se cume mi u ave u magun,

se cume mi sc vui u ghe stave strenti

enre stu mundu cbu snsa lxe,

na lsseta a ne mustra u camin.

 

Camin longu, cen de sbuire, en veramun,

che per arvarghe vn arevertegarse,

ma locu gh lagi, de derer su lme,

u l n mundu nvu, na nva vita.

 

citi sciurii de aveglie parpaglire,

spurghe de mel lne de rusoliu,

bagi chi cantan ensme ai oujibrti,

ttti chi se vn bn, n mundu nvu.

 

U mal, e maroutie e se subacan,

de soudi u nu ghe n, u nu namu lgu,

u se ne riimu ttti man ente a man,

u l u Paradiersu na . forsi a me sonu !!

 

Ma n sonu cusc bl a nu lhai mai fau,

a nu hai mai sentiu cantar i oujibrti,

gnte ca se vl bn, chi nha mai vistu,

su l n sonu .. a nu marevegliu ci.

 

ME NE VADO

 

Me ne vado, non ce la faccio pi,

me ne vado, inutile aspettare,

chi vuol venire mi segua, ma la strada sar lunga,

piena di intoppi ed in salita.

 

Dove andare ???? mica lo so,

quel che ci aspetta, quel che ci toccher fare,

ma son sicuro che meglio di qui, tutti i posti son buoni, manco a dirlo.

 

Campi fioriti, con api e farfalle,

pioggerelline di miele e laghetti di rosolio,

rospi che cantano, insieme alle lucertole,

tutti che si amano, un nuovo mondo.

 

Il male, le malattie. Sparite,

non esistono i soldi, non ce n bisogno,

siamo tutti sorridenti mano nella mano.. 

 

Questo il Paradiso No, forse sto semplicemente sognando.

 

Venite se anche voi avete il magone,

se come me state un po stretti in questo mondo cupo e buio.

Una lucciola ci far vedere la strada ..

strada lunga, pieno di intoppi, in salita,

dove, per arrivarci, tocca faticare,

tirare su le maniche ma quel che c laggi

dietro quel lumicino un mondo nuovo, una nuova vita.

 

Campi fioriti, con api e farfalle ecc. ecc.

 

Ma un sogno tanto bello non lo feci mai,

non ho mai sentito cantare le lucertole,

e gente che si vuole bene disinteressatamente, chi nha mai visto .

 

E se un sogno . Non intendo pi risvegliarmi.

        

TĖMPI BELI DE NA VOUTA

 

 

I se ne van i tmpi beli

cu andavamu a cglie e urive,

tmpi beli, vegli tmpi,

i sun de a nostra giuvent.

 

Ensce se causse cun u saccun,

i ci vegli chi aramavan,

a stnde e tnde amersrar,

tmpi chi nu vegniran ci.

 

Ė pi a a  seira andar au defissiu,

ttte e carte al ente u gumbu,

sciacca gira, gira sciacca

e dau destrentu u ruglia lriu.

 

Farse cixe i patatui

cun a perglia lriu nvu,

ensce u framegu brscai,

come u nu se ne fa ci.

 

se urive - i ne dixian

u e a ciantae me paire grandu,

su riu cu bevimu

n poucu u sa de u so sur.

 

Aur tttu en re stu mundu

u camina a rescurseta,

tttu u se ne va spediu,

sci a nostra giuvent.

I

 sun passai i tmpi beli ensme ae urive

che sun ttte gerae,

tmpi vegli ma tmpi beli

i sun i tmpi de candu u eiravamu figlii.

 

TEMPI BELLI DI UNA VOLTA

 

Se ne vanno i bei tempi

in cui si andava a raccogliere le olive,

vecchi tempi ma bei tempi

della nostra giovinezza.

 

Ai piedi degli alberi, con il sacchetto

e i pi anziani che abbacchiavano,

distendere le tende, a misurare il raccolto,

tempi che non torneranno pi.

 

E poi, la sera, andare al frantoio,

tutte le misure, via, dentro

e guardar girare la macina e lolio sgorgare.

 

Cuocere piccole patate sulla sansa,

bruciacchiate ma con la buccia

e immerse nellolio nuovo come non se ne gustano pi.

 

E, ci dicevano, questi ulivi li ha piantati mio nonno,

e questolio sa ancora del suo sudore.

 

Ora invece tutto si fa pi veloce, tutto vola via come la giovent.

 

Son passati quei bei tempi e anche gli ulivi sono gelati,

e quei tempi ci ricordano quando eravamo piccoli.

 

REGORDI   -   Eugenia Viale  -  ventemiglisu

 

Canti regordi m' vegnu sta seira,

che a Ventemiglia Auta sun muntau,    

l'eira za in po' che sci pe' sti carrugi

e int'e ciassette nu eira ci passau.  

 

Sun andau in sciu u Cavu,               

pi sun andau in scia a Cola,             

int'a Ruchta e pi au Funtanin

e in Ciassa d'Erbe, e mentre caminava,

me sentiva che u co u l'eira pecin.

 

O mei paise, mei paise belu!

cume ti sei scangiau, nu t cunusciu ci.

Dime cose i t'an fau, nu riesciu a ritrv,

d'in tempu, a mei bela zuvent.      

 

Pi sun restau l in po' penscierusu

e on capiu che ninte l' scangiau,

e cae, e strade e a nostra Catedrale

tantu ci bela e ancura ci preclusa.

 

E on capiu che nui semu scangiai,

che i ani i passa e i nu riturna ci,

i ani i passa e i nu riturna ci,

e cun i ani a nostra zuvent.

 

Alura ,sun carau, laz int'u mei carrugiu,

in passu derr l'autru, adaixu, cian cianin,

e mentre m'aveixinu a a mei funtana,

me sentu u co che u l' sempre ci pecin.

 

Aissu i gli lasci a ste fenestre

e ciamu: o Ma, o P!

Ma niscin rispunde ci.

I sun l tti dui ch'i se riposa,

suta a a Roca benedia

d'a Madona de Vert.

 

RICORDI

 

Quanti ricordi stasera

che son salito a Ventimiglia Alta,

era gi un po che non passavo pi

in questi carugi e in queste piazzette.

 

Sono andato al Cavo, alla Colla,

nella Rochetta, al Funtanin e in Piazza dErbe

e mentre camminavo sentivo il cuore stringersi.

 

O paese mio, mio bel paese

quanto sei cambiato, non ti riconosco pi,

dimmi, cosa ti hanno fatto, non riesco a ritrovare

la giovent dun tempo.

 

Poi son rimasto l un po pensieroso

ed ho capito che nulla era cambiato,

le case, le strade, la nostra Cattedrale

sempre pi bella e ancora pi preziosa.

 

E ho capito che siamo stati noi a cambiare,

che gli anni passano e non tornano pi

e con gli anni, la nostra giovinezza.

 

E allora sono sceso gi, nel mio rione,

un passo dopo laltro, adagio, pian pianino

e mentre mi avvicino alla mia fontana

sento il cuore ancora pi piccolino.

 

Alzo gli occhi su a quelle finestre e chiamo:

Mamma, pap ! Ma nessuno risponde pi.

Sono ormai tutti e due che riposano

sotto la rocca benedetta della Madonna delle Virt.

 

MIA MAIRE

 Sciac 
dae lensure, da-a bare, 
dae bssache de urive 
bagn. 

Scig 
dau camin, dau tetin 
da mi, dai mei frai 
sss. 

Scciup 
da-a  souma da-a sciorta de crave, 
dai figli dai cagni 
strusci. 

Acandac 
a far e scuriglie e scaira 
deriva a-a carsetta 
s. 
Ma bela, ci bela de-e tte 
a t vegu staseira, 
Ma !!

 

MIA MADRE

 

Schiacciata
dai teli agricoli, dal "barile per concimare"
dai grossi sacchi di olive
bagnata.

 

Seccata
dalla strada percorsa, dall'allattamento
da me, dai miei fratelli
succhiata.

 

Distrutta
dalla somara, dal gregge di capre
dai bambini e dai cuccioli 
sfinita.

 

Che si dilunga
a far i lavori di casa e stanca vicina al casolare,

sudata.
Ma bella, pi bella di tutte
ti vedo stasera 
Mamma !! 

 

MI NU SUN BON A VIVE

 Mi nu sun bon a vive 
a far cum'i fan ttti 
ente i mumenti brti 
a me ne stagu a scrive. 

Mi nu sun bon a balar
a rie a far rebota 
a sun scarsu sci a belota, 
a nu sun bon a nuar
a nu sai gigar au balun,
de a moda tegne u passu
gni camin c'a fassu 
u ' smpre en veramun. 

Ah, s'a puresse scangiar 
e sacierme devertie, 
parlar ente se ustarie
de mussa de cacia caussu,
ma pi a me sntu faussu
a nu saciu loche die. 

A nu saciu puar e vie 
mancu bon a aramar 
hai u vissiu de pensar 

envece de reagie, 
mi nu sun bon a srne, 
a nu sun bon a bregar, 
u mundu u me fa schrne
a nu sai loche far,
vui u save ma u nu dive
c'a nu sun bon a rn, 
mi nu sun bon a vive
mancu a vuglierme bn.

 

NON SONO CAPACE A VIVERE

 

Non son capace a vivere 
a fare come fan tutti
e nei momenti brutti
me ne sto l a scrivere.

 

Non son buono a ballare
a ridere, a far festa
son scarso anche nel gioco delle carte
non so nuotare 
non so giocare a pallone
stare al passo con la moda
ed ogni percorso che intraprendo
sempre una maledetta salita.

 

Ah, se potessi cambiare
e fossi capace a divertirmi 
stare al bar a discutere
di donne (eufemismo), di caccia e calcio,
ma poi mi sento falso
e non so cosa dire.

 

Non so potare le viti
n raccogliere le olive sull'albero
e ho il vizio di pensare
invece di reagire,
non son capace a scegliere
non me la so sbrigare

il mondo mi schernisce
e non so cosa fare,
voi lo sapete ma non me lo dite
che sono un buono a nulla,
non son capace a vivere
neanche a volermi bene.

 

A ŰNA GIUVENA FURĖSTA

 A ai cunusciu na giuvena, ca nu l de Bligal,

a nu l de Moudna mancu de u Favar.

 

Ma a l a megliu de e ttte, ma a lha carche rn en ci,

a l cume na madona, n angeru, na stela,

per mi a l a ci bla, a ghe vgliu tantu bn.

 

U me despiaixe lasciar Bligal,

u me despiaixe lasciar mia m,

ma mi a nu psciu star snsa ela,

a sntu ca devu lasciar sa c.

 

A nu veirai ci i amichi, a nu veirai ci Bligal,

ma a u cr u nu se comanda, u cr u dixe de andar !!

 

AD UNA RAGAZZA DI FUORI

 

Ho conosciuto una ragazza, che non di Apricale,

che non conosce nulla di questo posto

ma quella che fa per me,

ha qualcosa che le altre non hanno.

 

E come una madonna, un angelo, una stella,

per me la pi bella, gli voglio troppo bene.

 

E mi dispiace lasciare Apricale,

quanto mi spiace lasciare la mamma

ma non posso stare senza di lei

e sento che devo lasciare questa casa.

 

Non vedr pi gli amici, non vedr pi Apricale

ma al cuore non si comanda ed il cuore dice di andare.

 

RVIRA

 

Rvira, rvira,
contame a storia
de candu, petitu,
andndu au Favar,
a soutava ensce i sbrchi
cun a sapa ensce e spale
e a girava chel beu
per resce a aigar.

Rvira, rvira,
contame a storia
de candu, cun e barche
de rsca de pin,
a gigava ae battaglie
cun i autri figlii,
e a gagnava cun a rsca
dei pii de Bignun.

Rvira, rvira,
contame a storia
de candu mia maire
e mia nona gi veglia
e faixan a lesca
e stendan ensce i ciapassi
e mi c'a g'andava
a gigar ensce i lensi.

Rvira, rvira,
contame a storia
de candu l'vernu,
ensme a me paire,
a tirava e urive
per far l'riu nvu...
da u ponte u muntava
oudur de defissiu.

U nu gh'ira de arastre,
ni urtighe o ruvei,
ti iri pulita
snsa tanta nita.
Rvira, rvira,
staseira o mai ci,
contame a storia
de a mia giuvent.

 

TORRENTE

 

Torrente,

raccontami la storia, torrente,

di quando da piccolo andando al favar

saltavo sulle rocce con la zappa in spalla

e giravo il rivolo per poter innaffiare. 
 

Raccontami,

torrente,

la storia di quando con le barche di corteccia di pino

giocavo alle battaglie navali

e vincevo perch venivano dai pini di Monte Bignone. 
 

Raccontami, torrente,

la storia di quando poi, nei tuoi laghetti,

mia madre e mia nonna ormai vecchia

facevano le grandi pulizie di primavera

ed io che giocavo sulle lenzuola stese ad asciugare sui bordi. 
 

Raccontami, torrente,

di quando l'inverno, insieme a mio padre,

portavamo le olive per far l'olio nuovo,

dal ponte si sentiva l'odore intenso di frantoio. 

 

Non c'erano ginestre selvatiche

n ortiche o rovi, 
eri pulito senza l'inquinamento di oggi. 
Torrente, stasera o mai pi,

raccontami la storia della mia giovent.

 

                  

 

CANSUN PER ŰN REBISSU

 Locu l che ti ragli ouxelun sute a lna,

fenir, al rebissu o ciuna cianun.

Ti nu vei ca camina snsa mai darte a mentu,

a cuntnia u so giru per menarne a au matin.

T ti canti mi a cgnu, arevegliau da u alcun,

ah savesse e tue are a puresse vular.

Forsi u l da u paierse lunde mi a sun nasciu

che ti arvi si canti forsi i vn da mia m.

Dime n poucu, rebissu, u nu l mia stamatin

Che bevndu a a funtana enra ciassa, lagi,

ti nhai vistu mia maire che speglindus a bagnu

a veixia a mia figra passar en sonu ente laiga.

Sa cignia, sa me ciamava,

dium stu, rebissu,

che cun e are o snsare a vgliu verla aumatin.

Sa cignia, sa me ciamava,

dium stu, rebissu,

che cun e are o snsare a vgliu verla aumatin.

 

CANZONE AL PETTIROSSO

Cosa canti alla luna pettirosso,

finiscila o almeno cinguetta pi piano

Non vedi che va avanti senza neppure sentirti.

Continua il suo giro di sempre che ci porter a domattina.

 

Tu canti ed io piango, sveglio alla finestra

ah se avessi le ali come te e potessi volare .

 

Ma forse tu arrivi dal paese dove sono nato

e forse questi canti un po tristi sono i canti di mia madre.

 

Forse lhai vista forse proprio stamattina,

mentre bevevi alla fontana della piazza l

hai vista specchiarsi nellacqua

e vedere il mio viso come in sogno.

 

Se lhai vista piangere se lhai sentita chiamarmi,

dimmelo, dimmelo,

che o con le ali o senza voglio volare da lei e vederla.

 

A ŰN GIUVENU CU CRESCE

 

A vgliu cuntarte na storia, figlir,

vei ca te cantu stasera cu cive,

forsi deman cun u bl tmpu chiss,

a nu me vegnir en mentu a nu a saverai ci.

 

Agarda i mragni mal messi, sciappai,

va a ver ente e rive, i camii cei de subire,

va a ver ente e fasce, va a ver i ruveai,

pensa a deman che lol u ser u t.

 

T ti hai stdiau, t ti parli u latin,

ti sai far i conti, ti sei desbrugliau,

pensa che a trra, a fatiga, u sur

e than fau cresce e than dau da mangiar.

 

Ė su nu te piaixe su mundu acbiu,

su te par dsse n ouxelun scursu,

turnaten ente se fasce anche grbe,

vei che a tua trra a nu nha mai tradiu.

 

AD UN RAGAZZO CHE STA CRESCENDO

 

Voglio raccontarti una storia, figliolo,

vieni, te la racconto stasera che piove,

forse domani col bel tempo non la ricorder pi.

 

Guarda i muri rovinati, le fasce franate,

guarda la campagna piena di roveti ..

tutto quello che posso lasciarti.

 

Tu hai studiato, conosci il latino,

sai far di conto, sei sveglio

ma ricorda che la terra, la fatica, il sudore

che ci fan crescere che ci han dato da mangiare.

 

E se non ti piacesse il mondo fuori,

se anche tu ti senti come un uccello in gabbia,

torna fra queste campagne anche se rovinate,

viene che la terra non potr mai tradire.

 

TEI NEVU   -   Antonio Rebaudo  -  pignascu

 

U l tei nevu che ti ar pigliau in brassu,

che ti stregne ti nu far ci in passu.

Ti u tagarda, ti u t mangia cun i egli

su cousetu sensa denti e cavegli.

E el asci u t'agarda e u par cu t se ria

anche se u nu sa ancor adessu chi ti sia...

U nu sa che sei paire ti l'har asci bairau

candu, cum el, da pocu u l'era nau.

 

E tegnendu su fglior in ti tei brassi,

ti u ver gi cu fa i primi passi...

Anchei ti u baira, pei ti ghe darar man

e ti u virar, asci su l' luntan.

E er man man cu cresce, ti ti cunsimurar,

e candu u sar ign'omu, chiss unde ti surar?

 

Ma adessu nu pensar e se couse chi sun triste,

i sun e couse de stu mundu e in fundu i sun giste.

E nu te dumandar ne u perch ne u per cume,

pensa che su figlior u porta gi u tei nume.

E portendu u tei nume, de ti u l'ha calche ren

cu fara che deman u t veglia asci ben.

 

 

U fgliu de tei fgliu ti lhar pigliau in brassu

e per cu nu t scape ti nu far ci in passu

 

Ma adessu su fglior, in brassu, u s' adormiu

pousaru cian ciaretu e metiru intu sei niu,

pousaru cian ciaretu e metiru intu sei niu.

 

TUO NIPOTE

 

E' tuo nipote che hai preso in braccio,

che stringi e non fai pi un passo

Te lo guardi, te lo mangi con gli occhi,

questo cosetto senza denti n capelli.

E anche lui ti guarda e sembra che ti sorrida

anche se non sa ancora, adesso chi tu sia

non sa che suo padre, lo hai pure tenuto in braccio

quando come lui era da poco nato.

 

E tenendo questo bimbo fra le tue braccia

lo vedi gi fare i primi passi

oggi lo culli, poi gli darai mano

e lo vedrai  anche quand' lontano.

Mentre lui cresce, tu invecchierai

e quando sar uomo chiss dove  sarai.

 

Ma ora non pensare a queste cose tristi

sono cose di questo mondo e in fondo sono giuste.

E non domandarti n il perch n il per come

pensa che questo bambino porta gi il tuo nome,

e portando il tuo nome di te ha qualcosa

che far che domani ti voglia bene.

I

l figlio di tuo figlio lo hai peso in braccio

e perch non ti sfugga non fai pi un passo

ma adesso questo bambino

in braccio si addormentato

posalo pian pianino e mettilo nel suo nido.

 

CALCHE DI O LAUTRU

A me ne sun enciu n gotu

cu mha pigliau u ciaclin,

e ferie e sun fenie

a devu parte aumatin.

A l turna lantifuna de a vita de cit

Cu l u vive de a musca ente na taragn.

Őture entn ufissiu,

tratau pegiu de n can

pi sciairu strusciau,

reparte u lendeman.

Calche d o lautru a chitu,

calche d o lautru a partu,

calche d o lautru a turnu a le ghe fassu ver.

Tttu lustau gigar au cutrun

nu se prde mai n festin

Dopu mangiau n penecun,

andar ai burei cun u scufin.

Pigliar u sul ensce n ciapassu,

pescar cun a cana ente Boussin,

btarse ensme ente u barcassu,

acuregarse sute n pin.

Ma u gotu u se consma

u nu passa u ciaclin,

e ferie e sun fenie

u semu ascaixi a a matin,

a l smpre chela antifuna de a vita de cit,

u vive de na musca ente chela taragn.

Ancun u meiximu ufissiu,

tratau smpre ci mal,

Unde stufu scciupau a aspeitu u lendeman.

Calche d o lautru a chitu,

calche d o lautru a partu,

calche d o lautru a turnu a le ghe fassu ver.

De e ble cicae de cereixe,

acandacarse cun lensin,

mure negre cume a peixe,

mereli prseghi, a, armurin,

pi lvernu arnte au fgu,

cixerse i turli pigliai ai trapii,

due cansun cu ghe n lgu,

pi far rebota fin a a matin.

Calche d o lautru, calche d o lautru,

calche d o lautru ma candu ?

La la la la la la la .. ma candu ?

E entantu a vegnu vegliu

u ne me ma u destin,

au vegu sa me spegliu ente se dua dia de vin.

 

QUALCHE GIORNO O L'ALTRO

Me ne son riempito un bicchiere

che m preso langoscia,

son finite le ferie, domani si riparte.

E via, ancora la vita di citt,

il vivere di una mosca in una ragnatela.

Otto ore nel solito ufficio,

trattato peggio dun cane

e poi, ancora stanco, ripartire lindomani.

Ma qualche giorno smetto,

qualche giorno parto,

ritorno e gliela faccio vedere.

Tutta lestate a giocare a pallone,

senza perdersi mai un festino,

dopo pranzo una dormitina

e andar per funghi se capita.

Poi al fiume, a prendere il sole,

pescare con la canna nei laghetti,

buttarsi insieme nella paglia,

addormentarsi sotto lombra di un pino.

Ma il bicchiere si svuota

e non mi passa langoscia,

siamo ormai quasi allora di partenza

e sar sempre lo stesso ufficio,

trattato, se si pu, ancora peggio

ad aspettare lindomani,

come la mosca di cui si parlava.

Ma un giorno o laltro smetto,

parto, torno e gliela faccio vedere.

Scorpacciate di ciliegie,

star ancora li con lamo.

E poi more, nere come la pece,

fragole, pesche, grappoli duva, corbezzoli.

E poi ancora linverno, vicino al camino,

a cuocersi i tordi presi con le trappole,

magari due canzoni che ce n bisogno

e poi far festa fino al mattino.

Un giorno o laltro, certo .. ma quando ????

E intanto mi vedo invecchiare

e non mi cambia il destino,

lo vedo specchiandomi in queste due dita di vino.

     

PREGHEIRA

 Candu a a seira u cara u sul a a Tramuntina

u sparisce ruscghndu de lagi

candu u ccu cianinetu cun e sigare

u lentona sempre chela tutti i di.

 

Candu a sentu ciucar l'avermaria,

u vn cbu d'en Bignun e de vrsu Pigna

u l' aaur che da u fundu de u cr

a sntu de vuglie bn.

 

A vgliu bn a tttu loc'u m'e denai,

a vgliu bn a a nite cume au d

a l'aiga de a rvaira, ai ouxelui ch'i cantan

ae nivure che portan a spurga,

au vntu c'u e se mena,

ae sciure au mundu entregu,

a vgliu bn a Chi u m'a dau t'ute se couse

u me da i gli per verle,

a vgliu bn a Chi u l'a fau ttu lol.

 

Candu a a nite a nu ai afar de dorme

a sntu e raine de voute u ganavl,

candu a lna veglia o chela giuvena

e fan lme a tta a mia nitur,

candu a vegu u cielu cen de stere

en campagna e lssete che se scuren

u l' alaur che dau fundu de u cr,

a sntu de vuglie bn.

 

A vgliu bn a tttu loc'u m'e denai,

a vgliu bn a a nite cume au d

a l'aiga de a rvaira, ai ouxelui ch'i cantan

ae nivure che portan a spurga,

au vntu c'u e se mena,

ae sciure au mundu entregu,

a vgliu bn a Chi u m'a dau t'ute se couse

u me da i gli per verle,

a vgliu bn a Chi u l'a fau ttu lol.

 

Candu a vegu a a matin vegnie alba

ca scciairisce u mundu delienturnu;

candu a vegu lrba de se fasce

cun l'aigaglia u sul c'u a fa sbrilar.

Candu  pi u caudu u se fa snte

e campane e sonan meggiud,

u l' alaur che dau fundu de u cor,

a sentu de vuglie bn.

 

A vgliu bn a tttu loc'u m'e denai,

a vgliu bn a a nite cume au d

a l'aiga de a rvaira, ai ouxelui ch'i cantan

ae nivure che portan a spurga,

au vntu c'u e se mena,

ae sciure au mundu entregu,

a vgliu bn a Chi u m'a dau t'ute se couse

u me da i gli per verle,

a vgliu bn a Chi u l'a fau ttu lol.

 

PREGHIERA

 

Quando la sera scende il sole da Tramontina

e sparisce rosseggiando,

quando il cuculo e le cicale

intonano sempre lo stesso motivo, ogni giorno.

 

Quando si sente suonare lAngelus,

e vien buio da Bignone e dalle parti di Pigna,

allora che dal profondo del cuore sento di amare.

 

Amo tutto quanto mi sta intorno,

amo la notte ed il giorno,

lacqua del torrente, gli uccelli che cantano,

le nubi che portano la pioggia

e anche il vento che le porta via,

amo i fiori, amo il mondo intero

e amo Colui che tutto questo mi ha dato

e mi permette di vedere tutto il Creato.

 

Quando, di notte non ho voglia di dormire,

sento cantare le rane e la civetta,

quando la luna sia vecchia che nuova

illumina la mia nottata.

 

Quando ammiro il cielo pieno di stelle

o le lucciole che si rincorrono nei campi

allora che dal profondo del cuore sento di amare.

 

Amo tutto quanto mi sta intorno, ecc. ecc.

 

Quando poi, al mattino spunta lalba

che schiarisce il mondo tutto intorno,

quando lerba dei campi brilla per le gocce di rugiada,

e quando il caldo si fa sentire e le campane suonano mezzogiorno,

allora che dal profondo del cuore sento di amare.

 

Amo tutto quanto mi sta intorno, ecc. ecc.